Time: 5:49

La commissione Sanità dell’Ars ha approvato il Piano per la disabilita gravissima che permetterà di impegnare i primi 36 milioni di euro per il Fondo, stanziati con la legge del 1 marzo 2017. Beneficiari del contributi saranno 2.140 disabili gravissimi individuati sulla base dei criteri indicati dal dm 26 settembre 2016. Lo schema per la classificazione dei disabili è redatto attraverso tabelle mutuate sulla base di quelle utilizzate da anni nella Regione Toscana e valutate positivamente dal tavolo dei direttori delle Asp (si considerano livelli di autonomia, stato di coscienza e comunicazione, autosufficienza respiratoria ed alimentare etc). Ai lavori della commissione, presieduta da Pippo Digiacomo, hanno partecipato il presidente della Regione Rosario Crocetta, l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi e l’assessore alla Famiglia Carmencita Mangano.

 

In fase di prima applicazione per i mesi di aprile, maggio e giugno sarà versato a ciascun disabile gravissimo un assegno di 5.400 euro per le tre mensilità (pari a 1.800 euro al mese), i disabili di media gravità riceveranno invece un assegno di 3.000 euro (1.000 al mese). Il contributo sarà erogato dalle Asp direttamente al disabile o ad un suo rappresentante legale. Nei prossimi giorni le Asp comunicheranno l'elenco e la classificazione dei disabili destinatari del contributo.

 

“Il provvedimento approvato  - dice Rosario Crocetta, presidente della Regione - non rappresenta certo la soluzione definitiva ma un primo passo concrfeto per riuscire a rispondere ai problemi più urgenti di tanti disabili, fino a questo momento ‘invisibili’, dei quali finalmente ci si prende cura. Un provvedimento organico potrà partire solo dopo l’approvazione in commissione Bilancio del Fondo per le disabilità che dovrà prevedere uno stanziamento di non meno di 250 milioni di euro. E a proposito di cifre credo sia giusti ricordare che, nel confronto con le Regioni più ‘ricche’, la Toscana destina da 700 a mille euro al mese a disabile, l’Emilia Romagna da 600 a 1.600, la Lombardia 1.000 euro al mese. La Sicilia sta facendo un sforzo maggiore – conclude Crocetta – di questo e di tutti gli altri interventi necessari ne parleremo al Tavolo della disabilità dove porteremo avanti un confronto aperto con i diversi soggetti coinvolti. Ringrazio il presidente Digiacomo, l’assessore Gucciardi, l’assessore Mangano e i membri della commissione per il supporto che hanno dato in questa delicata fase”.

 

Soddisfatto anche Pippo Digiacomo, presidente commissione Ars: “Stiamo dando risposte concrete a situazioni molto serie. In commissione – dice -  abbiamo portato avanti un confronto a 360 gradi con disabili, associazioni, personale medico, istituzioni e forze politiche. Oggi possiamo dire che questo confronto, a volte aspro e complicato, è stato utile ed ha prodotto un primo importante passo nella direzione della soluzione dei problemi più urgenti”.

 

La commissione Sanità ha inoltre approvato il Progetto presentato dall’Irccs Bonino Pulejo relativo ai quattro fratelli Biviano di Lipari: il piano triennale prevede un contributo annuo di 20.000 euro per ciascuno dei soggetti più 700 euro al mese per l’alloggio. 

 

“ Abbiamo voluto sensibilizzare il presidente della regione Rosario Crocetta ed i dirigenti dell’assessorato regionale ai Beni Culturali sottolineando le conseguenze negative del nuovo piano paesaggistico sullo sviluppo del territorio della provincia di Trapani”. Lo dicono la parlamentare regionale del PD, Antonella Milazzo e l’assessore regionale alla salute, Baldo Gucciardi al termine dell’incontro avvenuto oggi a palazzo d’Orleans.

“Il nuovo piano paesaggistico – sottolineano i parlamentari PD – rischia di limitare fortemente le attività imprenditoriali e lo sviluppo turistico del territorio. Appare necessario rivedere  immediatamente le criticità del piano  rendendolo compatibile con le esigenze del territorio e coniugando quindi la tutela del paesaggio con lo sviluppo economico dell’intera area. Siamo molto soddisfatti – concludono – della disponibilità espressa dal governatore  a rivedere tutto lo strumento adottando ogni misura necessaria”. 

Cosa succede quando ad una persona con disabilità gravi viene a mancare il sostegno dei familiari? È il tema del convegno “Dopo di noi”, che si terrà domani venerdì 24 marzo a partire dalle ore 9,00 nel Teatro Jolly di Palermo (via Domenico Costantino 54) promosso dal gruppo parlamentare del Partito Democratico all’Ars.

 

“Sarà un momento di confronto – dice il presidente del gruppo PD Alice Anselmo – per capire a che punto è l’applicazione in Sicilia delle disposizioni sul ‘dopo di noi’, il provvedimento che introduce il sostegno e l’assistenza alle persone con disabilità gravi dopo la morte dei parenti che li accudiscono. La legge, approvata dal parlamento nazionale nel giugno del 2016, prevede una serie di interventi e misure: è fondamentale capire cosa c’è da fare in Sicilia e quanta strada bisogna fare per mettersi al passo con le migliori realtà del Paese. In questo senso – aggiunge Anselmo – credo sia utile mettere a confronto tutte le parti interessate: istituzioni, forze politiche, associazioni e strutture sociali e sanitarie”.

 

Il convegno si aprirà con i saluti del presidente della Regione Rosario Crocetta e dell’assessore alla Salute Baldo Gucciaridi.

Interverranno Raffaele Tangorra, direttore generale per Inclusione e Politiche sociali del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali; Ignazio Tozzo, direttore generale dell’assessorato alla Salute – dipartimento per la Pianificazione strategica; Mario Candore, direttore generale assessorato della Famiglia e delle Politiche sociali; Pietro Piro, presidente Legacoop Sicilia; Roberto Indovina, notaio iscritto al Consiglio notarile di Palermo e Termini Imerese.

 

Interverranno inoltre con la loro testimonianza Valeria Amari, presidente associazione “Casa di Gabri”; Carmelo Caporlingua, presidente associazione Onlus Autismo; Annamaria Esposito, presidente associazione “Meravigliosamente”; Giuseppe Manno, cooperativa sociale “La Fraternità”, Rosi Pennino, presidente PerlAutismo Onlus; Muni Sigona, albergo etico  “La casa di Toti”. I lavori, coordinati dall’avvocato Giulio Cusumano, saranno conclusi al termine della mattinata dal presidente del gruppo PD all’Ars Alice Anselmo.

La commissione Sanità dell’Ars nel corso della seduta di oggi ha approvato un emendamento al disegno di legge “proroga dell’esercizio provvisorio e istituzione del Fondo regionale per la disabilità” che prevede lo stanziamento di ulteriori 36 milioni di euro per il Fondo da destinare alle disabilità gravi, e la pubblicazione di un decreto per la definizione e le modalità di erogazione ai soggetti disabili che ne hanno diritto. La norma deve adesso essere approvata dall’Aula.

 

“Stiamo dando risposte concrete ad un tema che è emerso in tutta la sua drammatica urgenza – dicono il presidente della commissione Pippo Digiacomo e l’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi – è il momento di lasciare da parte le polemiche e mettere in campo misure vere per andare incontro alle esigenze dei disabili. Bisogna però superare in fretta la fase dell’emergenza e mettere a regime il sistema assistenziale verso i soggetti che ne hanno diritto”.

“Congratulazioni a Davide Faraone per la nomina a sottosegretario alla Salute. Sono certo che la sanità siciliana troverà in lui un importante punto di riferimento che consentirà alla nostra regione di proseguire nel già avviato percorso di miglioramento di servizi ed assistenza. A Davide Faraone va il mio personale e affettuoso augurio di buon lavoro”.  Lo dice l’assessore regionale alla salute Baldo Gucciardi.
Macellazione clandestina, blitz sui Nebrodi. Gucciardi: "Assessorato in campo per monitorare filiera e rischi per la salute"   "Da molto tempo l'assessorato alla Sanità è al lavoro per garantire trasparenza e sicurezza ai consumatori, ma anche il rispetto delle norme che regolamentano la filiera agroalimentare. L'operazione di oggi ci dice che siamo sulla giusta strada perché conferma l'attenzione messa in campo anche dalle forze dell'ordine". Lo dice l'assessore regionale alla Salute, Baldo Gucciardi, commentando l'operazione della polizia che ha portato all'arresto di 33 persone tra allevatori e veterinari.    "L'assessorato - continua Gucciardi - ha già attivato una Commissione di indagine per seguire il fenomeno e infatti l'Asp di Messina ha immediatamente sospeso i veterinari coinvolti. Mi congratulo - conclude l'assessore - con la magistratura e le forze di polizia per il lavoro svolto e mi auguro che i controlli per una filiera sana siano continui".

"Domani si insedia a Roma il tavolo tecnico sulla vicenda Airgest, è un momento importante nel percorso che la Regione insieme allo Stato ed alle altre parti interessate stanno seguendo per salvaguardare e potenziare lo scalo di Birgi". Lo dicono l’assessore regionale Baldo Gucciardi e la senatrice Pamela Orrù, del Partito Democratico, dopo aver ricevuto dal sottosegretario Davide Faraone la comunicazione della riunione del tavolo tecnico voluto dal ministro delle Infrastrutture Graziano Del Rio.

 

"Adesso - aggiungono Gucciardi e Orrù - siamo ad una svolta per il potenziamento di un volano di sviluppo indispensabile per il nostro territorio, quale è l'aeroporto di Birgi".

"Il mio sincero apprezzamento all'azione del governo regionale per avere sposato l'idea di approvare una norma per gli aeroporti minori, Birgi e Comiso in testa. Con gli assessori Pistorio, Gucciardi e Baccei abbiamo mantenuto la parola nel dare sostegno al trasporto aeroportuale, vero motore di sviluppo della Sicilia. Ora occorre il sostegno ed il contributo decisivo di tutti i parlamentari, in una sinergia istituzionale al servizio dei nostri  territori." Lo dice Mimmo Turano, capogruppo di maggioranza all'Ars, esprimendo la propria soddisfazione nel valutare le intenzioni del governo regionale di sostenere ulteriormente gli aeroporti dell’isola. Sul sostegno agli scali minori, in particolare Birgi e Comiso, interviene anche l’assessore regionale della Salute, Baldo Gucciardi, che con Giovanni Pistorio assessore alle Infrastrutture e Mobilità e l'assessore all'Economia Alessandro Baccei, sta appunto contribuendo a costruire tempestivamente un assetto normativo nuovo per consolidare e stabilizzare gli aeroporti minori.

 

"Fermo  restando il contributo che i Comuni dovranno continuare a concedere, stiamo definendo - dice Gucciardi - una norma da approvare in tempi rapidi, con l'obiettivo del  finanziamento a regime degli aeroporti minori, quali Birgi e Comiso, finalizzato all'incremento del numero dei passeggeri nel rispetto della disciplina del settore. In questo modo - continua l'assessore Gucciardi - consolideremo l'assetto degli aeroporti cosiddetti minori diventati ormai veri ed insostituibili volani anche per lo sviluppo turistico della Sicilia". 

“Un plauso alle forze dell’ordine ed agli investigatori che hanno scoperchiato un sistema affaristico e criminale che ha operato nella sanità catanese”. Lo dice Baldo Gucciardi, assessore regionale alla Salute, a proposito dell’operazione condotta dalla Guardia di Finanza di Catania e coordinata dalla Dda che ha portato all’arresto di manager ed imprenditori che operavano nel settore sanitario.

 

“Naturalmente aspettiamo l’esito del procedimento, ma dalle indagini emerge uno dei nodi che, purtroppo, continua ad indebolire il nostro sistema sanitario: un sistema nel quale il malaffare e la corruzione hanno regnato per troppi anni. Da tempo stiamo portando avanti una delicata e complessa opera di risanamento e trasparenza, anche dal punto di vista finanziario e sotto il profilo della qualità dei servizi. Molto è stato fatto – conclude Gucciardi - ma gli arresti di oggi ci segnalano che resta ancora molto da fare”.

Sanità. Dichiarazione, Raciti - Anselmo - Gucciardi

Venerdì, 16 Settembre 2016 18:34 Pubblicato in Comunicati HOME

Si è tenuto oggi nella sede regionale del partito democratico  di via Bentivegna a Palermo un incontro sui temi della sanità al quale hanno partecipato  il segretario regionale del PD, Fausto Raciti, il capogruppo all’ARS, Alice Anselmo e l’Assessore alla Salute Baldo Gucciardi.

 

"Nessuna nuova bozza di rete ospedaliera e dell’estrema urgenza è attualmente definita". Lo dicono Raciti, Anselmo e Gucciardi. 

"Il nuovo piano - spiegano - vedrà la luce solo dopo una attenta e articolata campagna di ascolto di tutti gli attori coinvolti: sindaci, ordini professionali, operatori della sanità privata, sindacati, forze politiche, associazioni degli utenti e  tutti gli stakeholder della Sanità siciliana.

Resta la necessità di avviare il prima possibile  il reclutamento di personale  presso le strutture sanitarie della Regione, per sopperire alla abnorme carenza che non consente alle stesse di operare in serenità e all’insegna della piena tutela della salute dei cittadini.

In tal senso, - concludono - si è già avviata l’interlocuzione con il governo nazionale che proseguirà nelle prossime settimane partendo dal presupposto che la Sicilia ha già fatto la sua parte con le azioni di risanamento della sanità siciliana collocando la regione, dalla penultima posizione,  fra le prime nove per erogazione dei livelli essenziali d’assistenza e chiudendo, negli ultimi due esercizi, in attivo i conti del fondo sanitario regionale".

Il Pd Siciliano, il 15 ottobre terrà “Gli stati generali sulla Salute”, con l’obiettivo di coinvolgere nella discussione quanti in questi giorni ci hanno sollecitato. Il nostro unico obiettivo è quello di rendere il sistema sanitario regionale efficiente  ed in grado di rispondere alle istanze dei cittadini e dei territori a cominciare dalle aree più periferiche.  

Pagina 1 di 32